Blog

Agriturismo Alberese | Le vie cave


Agriturismo Alberese | Esistono luoghi in Maremma che hanno dell’ incredibile.

agriturismo-alberse-la-maremma-toscanaUna della caratteristiche del nostro territorio è la sua varietà che spazia dalle dolci linee della piana dell’ Ombrone, con i suoi pini marittimi e  i suoi paduli,  meta di un’ enorme varietà di fauna avicola, le sue spiagge ora selvagge e primitive come l’ area intorno alla foce dell’ Ombrone, ora ampie e sabbiose, perfette per accogliere stabilimenti balneari come l’ area che va da Principina a Casiglione della Pescaia, lungo la magnifica pineta del Tombolo per addentrarsi in zone più interne dove natura, storia e misteri archeologici la fanno da padrona.

Luoghi dove le colline con i loro classici paesaggi toscani, ricchi di vigneti ed oliveti, si innalzano dolcemente, poi scendono, per scoprire dopo ogni dosso nuove meraviglie, casali rustici, castelli, borghi medievali, paesi unici nel loro genere. Ma le cose più incredibili le troviamo spesso dove l’occhio non riesce facilmente ad arrivare, nascosti nelle fitte macchie e nelle pieghe del territorio dove fino a poco tempo fa si avventuravano solo cacciatori e pastori od addirittura non erano raggiungibili perché coperti da una fitta vegetazione.

 

parco archeologico citt del tufo di soranoAgriturismo Alberese |  Il Parco Città del Tufo

Uno di questi posti, forse il più enigmatico ed affascinante della nostra storia è stato trasformato in questi ultimi anni in un parco archeologico a cielo aperto e reso facilmente accessibile al pubblico. Un luogo addirittura mistico, in un’area compresa tra Sovana, Sorano e Pitigliano, tre piccoli borghi in Maremma, facilmente raggiungibili in meno di un’ora di auto dal nostro Agriturismo. È uno dei più interessanti e controversi siti archeologici d’Italia: Il “Parco Città del Tufo”.

 

agriturismo-alberese-via-cava-4Agriturismo Alberese | Un’enigma ancora irrisolto

Il “Parco Città del Tufo” nasce e si sviluppa attorno ad una delle più enigmatiche strutture architettoniche del mondo antico: le vie cave. Questi affascinanti percorsi viari scavati a cielo aperto nelle colline di tufo non hanno raffronti in altre civiltà arcaiche. Per questo sono state fatte numerose ipotesi sulla loro reale funzione: canali per convogliare le acque piovane dai pianori alle valli, semplici vie di comunicazione, passaggi strategici studiati contro i nemici, sentieri cerimoniali e così via…

 

Fatto sta che nonostante la ricerca effettuata da più di uno studioso, le scoperte di nuovi reperti ed insediamenti, l’utilizzo di tecniche d’indagine sempre più raffinate, ancora oggi è impossibile comprendere non solo le motivazioni e l’utilizzo di queste incredibili strade (se di strade si trattava) ma addirittura l’epoca ed il popolo che le ha costruite.

 


Agriturismo Alberese | Non c’è niente che attrae l’uomo più del mistero

agriturismo-alberese-via-cava-1Camminare nelle “tagliate”, tra pareti di tufo alte anche più di venti metri, è un’emozione impossibile da descrivere. È un’esperienza che dovete assolutamente sperimentare. I quei luoghi natura e storia si fondono assieme in un’atmosfera unica ed indimenticabile.

Uno dei percorsi più suggestivi che offre molti spunti interessanti è quello che parte dal borgo medievale di Pitigliano per raggiungere, attraverso le vie cave la piccola e meravigliosa Sovana. Il percorso inizia a Pitigliano, dove attraversando la Porta di Sovana si scende lungo una scalinata per raggiungere l’ingresso della prima via Cava, quella di destra, chiamata la via cava di “Poggio Cani”. La si percorre tutta, immersi nel bosco fino ad arrivare alla prossima via cava, quella dell’”Annunziata”, profonda, suggestiva, alta fino a 25 metri. Al termine ci troveremo a “Pian dei Conati” dove, dopo un breve percorso arioso lungo l’altopiano ci troveremo di nuovo ad immergerci nell’atmosfera mistica della vie cava che porta lo stesso nome. Incontreremo due ruscelli e risaliremo fino ad arrivare ad una piana erbosa che ci riporterà nel nostro nuovo mondo. Siamo arrivati a Sovana.

 

Raccontato cosi, in maniera molto sintetica può sembrare una normale passeggiata. Ma aspettate a dirlo. Mentre camminerete immersi nella roccia tufacea non potrete fare a meno di chiedervi chi ha fatto tutto questo e perché. Il solo pensarlo vi trasporterà in un’ epoca senza tempo ed una volta che ne sarete usciti vi verrà la voglia di tornarci. Perché non c’è niente che attrae l’uomo più del mistero.

 

Le vie cave possono essere percorse in qualsiasi momento dell’anno e l’ accesso è libero a tutti. Si consiglia solamente di evitare di addentrarsi in quei luoghi dopo particolari nubifragi. In questi casi si trasformano facilmente in impetuosi ruscelli e divento impraticabili.